Arte, uno spazio multimediale per ricordare la dinastia dei Nasini

Dal capostipite Francesco, pittore barocco, una famiglia di artisti che ha lasciato un segno nella storia di Castel del Piano e dell’Amiata

 

Un nuovo spazio multimediale dedicato ai pittori Nasini. Da sabato 8 luglio ore 17.30 a Castel del Piano, all’interno di palazzo Nerucci, viene inaugurata una “officina culturale amiatina”. Il progetto è stato presentato a palazzo del Pegaso, sede del Consiglio regionale della Toscana.

Francesco Nasini è un pittore barocco che ha dato origine a una dinastia di artisti attivi soprattutto nella zona del Monte Amiata. “L’offerta culturale di Castel del Piano – ha dichiarato l’assessore alla cultura di Castel del Piano Renzo Rossi – arricchisce gli spazi di cultura diffusa nel nostro territorio”. Rossi ha spiegato che la vicenda pittorica dei Nasini non ha eguali nella storia artistica nazionale, sia per quantità di opere che per numero di artisti discendenti dalla stessa famiglia. “Questo museo – ha aggiunto – ci rappresenta con la sua filosofia della divulgazione a livello globale”.

Nasini, una dinastia di nove pittori

Il museo, inaugurato grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, raccoglie la dinastia di nove pittori all’interno delle varie generazioni in un arco di tempo che va dalla seconda metà del Seicento all’ultimo quarto del Settecento. Il nuovo spazio multimediale è solo il primo passo verso un progetto più ambizioso per esaltare il ruolo della famiglia Nasini nella pittura toscana.

Verso la digitalizzazione delle opere

Un caso straordinario di pittori che per cinque generazioni si sono tramandati le tecniche e i saperi legati alla pittura – ha spiegato la storica dell’arte Luisa Colombini che ha seguito il progetto -. L’ambizione è quella di digitalizzare tutte le opere dei Nasini, anche quelle conservate negli altri paesi dell’unione dei comuni montani Amiata grossetani”.

Federico Capriuoli, responsabile della digitalizzazione delle opere, ha quindi illustrato le tecniche usate per rendere fruibili le opere.

Scaramelli: investire sull’Amiata

Si tratta di un’iniziativa culturale importante che il Consiglio regionale è orgoglioso di presentare – ha sottolineato il vicepresidente Stefano Scaramelli – e che va nella direzione della nostra mission, quella di promuovere a livello istituzionale progetti di lungimiranza. Questo è un investimento sulla cultura che rivitalizza Castel del Piano e l’Amiata ed è un intervento di portata storica per il territorio che produce innovazione in un connubio tra passato, presente e futuro”.

 

LEGGI L’ARTICOLO SU IN TOSCANA

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Noi e i nostri partner pubblicitari selezionati possiamo archiviare e/o accedere alle informazioni sul tuo dispositivo, come i cookie, identificatori unici, dati di navigazione. Puoi sempre scegliere gli scopi specifici legati al profilo accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie, e puoi sempre revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic su "Gestisci consenso" in fondo alla pagina.

Elenco di alcune possibili autorizzazioni pubblicitarie:

Puoi consultare: la nostra lista di partner pubblicitari, la Cookie Policy e la Privacy Policy.